Menu Account

Default Category

Oggetti 1 a 10 di 21 totali

Come riconoscere un Melanoma? Tutti i consigli per prevenirlo

lunedì 1 luglio 2019 15:14:20 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 01 Luglio 2019

Come riconoscere un melanoma

Riportiamo qui di seguito l'articolo relativo all'intervista che Benedetta de Mattei ha effettuato – per Centro Meteo Italiano - alla nostra dermatologa Samantha Marenda, Specialista in Dermatologia e Venereologia che si occupa anche  delle consulenze per Exuviance Italia. Si chiariscono tutti gli aspetti del melanoma: come riconoscerlo, affrontarlo e prevenirlo.

1. Cos'è il Melanoma ?

Il melanoma è un tumore cutaneo che origina dai melanociti che si trovano a livello della cute e delle mucose, ad esempio occhio e meningi. La neoplasia può insorgere in qualunque fase della vita del paziente, ma il picco d’incidenza si verifica negli adulti di età compresa tra i 30 e i 60 anni“.

Clinicamente può assumere tantissime forme ed è pertanto non sempre facile riconoscerlo, nelle sue fasi precoci, il dermatologo può utilizzare diverse apparecchiature in suo ausilio: il dermatoscopio portatile, l’epiluminescenza (esame diagnostico e di follow-up indispensabile per il dermatologo), il total body mapping, (che permette di fotografare tutta la superficie cutanea del paziente e di correlare a tali immagini cliniche quelle dermoscopiche) e l’esame in microscopia confocale, che permette di dare una valutazione microscopica delle lesioni dubbie che presentino atipie dermoscopiche rilevanti“.

2. Quanto è diffuso in Italia ?

Considerata in passato una neoplasia rara, diversi studi clinici nazionali e internazionali suggeriscono che la sua incidenza sia quasi raddoppiata negli ultimi 10 anni”.

Nonostante la mortalità resti stabile, con oltre 2.000 decessi per melanomi cutanei registrati annualmente in Italia, la sopravvivenza a 5 anni è pari all’87% ed è in crescita rispetto al passato. Un risultato importante, se si pensa che il melanoma è la seconda neoplasia più frequente tra i tumori giovanili negli uomini e la terza tra quelli giovanili femminili, con un’incidenza in continua crescita, che fa registrare 14.000 nuovi casi ogni anno (dati AIOM AIRTUM 2017, 62.000 casi complessivi nei paesi europei, ndr)”.

3. Come riconoscere un melanoma e le sue caratteristiche

Le sedi di insorgenza più frequenti sono il dorso negli uomini e gli arti inferiori nelle donne. La neoplasia, nelle sue svariate manifestazioni cliniche, può mimare l’aspetto di un neo o insorgere nel contesto di quest’ultimo sotto forma di focalità; pertanto un neo debitamente documentato che presenti anche minime modifiche (lieve atipia) deve essere monitorato o sottoposto a successive valutazioni o asportato e analizzato dal punto di vista istopatologico. Il melanoma, inoltre, si può presentare come un nodulo o una papula pigmentata, ipomelanotica (il pigmento occupa meno del 25% della lesione), o amelanotica (senza presenza di pigmento) o di colore rosa/rossastro andando a mimare l’aspetto di tutta una serie di lesioni benigne e non, che entrano in diagnosi differenziale con il melanoma“.

4. La prevenzione è ormai noto sia la miglior arma per combatterlo

La prevenzione ci permette di agire su due fronti importantissimi. La prevenzione primaria ci permette di limitare i fattori di rischio ambientali, consigliando al paziente una fotoprotezione corretta ed adeguata per età, sesso, fototipo e modalità di esposizione solare alla quale verrà sottoposto“.

Nel caso della prevenzione secondaria invece il medico visiterà i pazienti e li sottoporrà all’esame più adeguato in base all’età, al fototipo, alla quantità e alla tipologia di nei riscontrati sulla superficie cutanea, alla presenza di un anamnesi positiva di tipo personale o familiare di melanoma. Pertanto sarà il dermatologo, di volta in volta, a strutturare un tipo di screening adeguato e personalizzato che supporti le caratteristiche specifiche del paziente e i suoi fattori di rischio endogeni ed esogeni“.

Il paziente potrà avere necessità di una sola visita clinica con indagine dermoscopica senza memorizzazione di immagini, ad un videodermoscopia digitale in epiluminescenza con memorizzazione delle immagini significative da tenere in  follow-up ad un total body mapping. La visita per il paziente si potrà svolgere, una volta definita la tipologia delle lesioni e aver identificato i fattori di rischio del paziente con una cadenza annuale o ogni 6 mesi, o nel caso della modifica di un neo anche con brevi follow-up delle lesioni evidenziate come atipiche

Fonte: www.centrometeoitaliano.it

Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

Come riconoscere la propria tipologia di pelle?

mercoledì 20 marzo 2019 10:00:00 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 21 Marzo 2019
Come riconoscere il mio tipo di pelle

La pelle è l’organo più esteso di tutto il corpo, si contraddistingue in base a numerosi parametri che differenziano notevolmente ciascun individuo. Le sue peculiari caratteristiche derivano sicuramente da un’ereditarietà genetica, ma risentono molto dei cambiamenti degli organi interni e degli stimoli dell’ambiente esterno.

Riconoscere la propria tipologia di pelle è di fondamentale importanza, anche se questo comporta la necessità di creare dei macro-gruppi nei quali sia possibile identificarsi. In assenza di patologie dermatologiche o metaboliche, si può avere un primo approccio di conoscenza utilizzando una lente di ingrandimento, per individuare alcuni aspetti specifici.

Le principali tipologie di pelle sono le seguenti:

  • Pelli sensibili/reattive (o stressate)
  • Pelli secche
  • Pelli mature/con rughe
  • Pelli con macchie/discromie cutanee (o con grigiore cutaneo)
  • Pelli grasse o impure
  • Pelli miste e pelli “normali”

Alcune pelli possono rientrare in più di una tipologia tra quelle indicate.

Pelli sensibili/reattive (o stressate)

È in continua crescita il numero di donne che dichiara di avere la pelle sensibile e reattiva. Si tratta di un tipo di pelle che è intollerante ad alcune condizioni dell’ambiente esterno, a vari prodotti o ai normali cosmetici. È caratterizzata da rossore, bruciore, fastidio ed eccessiva reattività (a causa dell’alterazione della barriera cutanea). Spesso appare sottile, screpolata e ruvida al tatto e uno squilibrio in termini di alimentazione e stile di vita, oltre all’inquinamento, possono essere le cause della pelle stressata. I segnali sono solitamente: colorito spento, presenza di micro-rughe, borse e occhiaie frequenti

Pelli secche

Le pelli secche possono presentarsi come disidratate (mancanza di acqua) o/e ipolipidiche (mancanza di grassi). Di solito, vi è una produzione di sebo inferiore alla norma e questo comporta la perdita di idratazione. È un tipo di pelle fragile e poco elastica, con una trama irregolare fino ad arrivare alla desquamazione. In molto casi, si manifestano segni d'invecchiamento cutaneo precoce, in particolar modo le rughe.

Pelli mature/con rughe

Nelle pelli mature diminuisce la produzione di collagene, elastina e acido ialuronico ed il derma si assottiglia. Tutto questo comporta la formazione di rughe piuttosto profonde, una perdita di tono e di elasticità. Inoltre, aumenta la suscettibilità agli effetti delle radiazioni solari, con conseguente formazione di macchie senili (ovvero chiazze scure isolate di forma tondeggiante). Talvolta, la perdita di turgore cutaneo si associa al fenomeno dei pori dilatati.

Pelli con macchie o discromie cutanee (o con grigiore cutaneo)

Le macchie cutanee sono causate dall’alterazione della sintesi di melanina (ovvero il pigmento che normalmente consente l’abbronzatura). Alla base, ci sono sicuramente vari tipi di fattori: condizioni ormonali, invecchiamento cutaneo, raggi solari, farmaci o patologie. Talvolta, si presentano come macchie scure e ben definite; in altri casi, si tratta di colorito non uniforme con discromie. Il Cloasma (originato dalla gravidanza) varia dal marrone chiaro al bruno e compare principalmente su fronte, guance, ponte nasale, labbro superiore.

Quando la pelle non viene trattata in termini di rinnovamento cellulare, può verificarsi un ispessimento dello strato corneo (quello più superficiale) con conseguente grigiore dovuto all’eccessiva cheratinizzazione.

Pelli grasse o impure

La pelli grasse si caratterizzano per un’eccessiva attività delle ghiandole sebacee, strettamente legata a fattori ormonali. Se il sebo è molto fluido, la pelle è grassa seborroica, untuosa, lucida, con pori dilatati. Se il sebo è ceroso e si ha ipercheratosi, la pelle diventa impura, asfittica, comedonica, con punti neri. Spesso i comedoni si trasformano in brufoli, fino ad arrivare alle formazioni acneiche. Il colorito della pelle grassa può essere pallido o/e ingrigito. Al tatto, la trama della pelle grassa risulta irregolare e ruvida; può presentare disidratazione nonostante l’aspetto oleoso.

Pelli miste e pelli “normali”

Molte persone non hanno una pelle solo grassa o solo secca, ma presentano simultaneamente sul viso le caratteristiche di entrambe le tipologie di pelle (sono pelli miste). Solitamente, le zone più grasse corrispondono a quelle con maggiore presenza di ghiandole sebacee: fronte, area intorno al naso, mento (la famosa zona T). Invece, le guance, la zona intorno agli occhi e i contorni del viso manifestano secchezza. A seconda della % di zona secca o grassa si parlerà di pelle mista tendente al secco o di pelle mista tendente al grasso. La pelle mista risente molto dei cambi di stagione

Se adeguatamente riequilibrata, una pelle mista può diventare “normale”.
La pelle normale può essere un po' più grassa a livello della zona T, ma in generale si presenta né troppo grassa né troppo secca (grazie a dei corretti livelli di idratazione e sebo). La pelle normale ha pori fini, colorito roseo con buona circolazione sanguigna, texture morbida e liscia, non presenta particolari imperfezioni e non è incline alla sensibilità.

Scopri i prodotti Exuviance

I nostri prodotti presentano la maggiore versatilità per tutte le tipologie di pelle (possono essere anche applicati nell’ordine indicato)

esfoliante a tripla azione Exuviance

TRIPLE MICRODERMABRASION

Esfoliante a tripla azione, combinabile con tutti i trattamenti intensivi e specifici in base alla tipologia di pelle. Rende l’epidermide molto più ricettiva ai prodotti applicati successivamente.

Scopri →
essenza probiotica contro stress e cambio stazione Exuviance

PROBIOTIC LYSATE ESSENCE

L’Essenza Probiotica è indicata per tutte le tipologie pelle, soprattutto nelle fasi di maggior stress e nei periodi post-estate, autunno e primavera. Riequilibra il microbiota cutaneo ed agisce come anti-inquinamento.

Scopri →
energizzante in dischetti effetto lifting Exuviance

SKIN RISE BIONIC TONIC

Energizzante in dischetti unico nel suo genere, per ottenere un’ immediata rigenerazione cutanea, un effetto lifting ed anti-fatica. Contribuisce a ripristinare i corretti livelli del film idro-lipidico.

Scopri →
risultati creme exuviance
Centri Estetici Exuviance

Consigliamo di effettuare i trattamenti specifici in base alla tipologia di pelle presso i Centri specializzati Exuviance.

Trova Centro
Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

Vuoi ringiovanire la tua pelle senza trattamenti invasivi?

venerdì 7 dicembre 2018 12:14:48 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 7 Dicembre 2018
ringiovanire pelle senza trattamenti

L’acido glicolico

L’Acido Glicolico è il più potente ingrediente cosmetico in grado di intervenire realmente sull’accelerazione del rinnovamento cellulare. Esso rappresenta uno dei pochissimi meccanismi di veicolazione che la pelle “lascia passare” per affinità (in quanto è un Acido Organico che riconosce).

Focus

La pelle è infatti permeabile ad un ristretto numero di sostanze, che devono possedere determinati requisiti (chimici e strutturali): principio della permeazione selettiva.

L’applicazione di Acido Glicolico rende la pelle molto più ricettiva, poiché stimola un’importante esfoliazione. Il suo effetto a livello di epidermide è immediato, modificandone visibilmente la compattezza e la luminosità ed intervenendo in modo importante sull’aspetto dell’invecchiamento cutaneo.

L’azione dell’Acido Glicolico non si limita all’epidermide.

Pur senza nessuna invasività, riesce a dare un forte “input” che arriva fino al derma. In particolar modo, si assiste ad un accrescimento di spessore nel derma dovuto all’aumento di acido ialuronico, di glicosaminoglicani (GAG) e di collagene.

Inoltre, i massimi risultati a livello di ringiovanimento cutaneo, si ottengono con l’abbinamento dell’Acido Glicolico ai seguenti ingredienti funzionali:

NeoGlucosamina

Tecnologia creata nei laboratori di NeoStrata Company. Amino-zucchero (molecola non acida) che incrementa la produzione di acido ialuronico e di collagene all’interno del derma ed agisce da vero e proprio “filler” topico. Diminuisce macchie e discromie cutanee.

AminoFil

Ingrediente brevettato nei laboratori Neostrata, ad effetto volumizzante, che contrasta anche le rughe più profonde. È in grado di agire su due livelli: aumenta lo spessore epidermico delle cellule vive e incrementa il volume della matrice del derma

Acido Ascorbico (Vitamina C)

È un essenziale co-fattore per la produzione di collagene che aiuta rafforzare la consistenza della pelle; inoltre, ha una forte azione antiossidante e antietà e rende il colorito più omogeneo e luminoso in quanto inibisce la produzione di melanina.

Acido Maltobionico

Acido Bionico di ultima generazione con altissimo potere idratante, in modo attivo e profondo (grazie al meccanismo chimico degli acidi). Inoltre, è fortemente rigenerante e cicatrizzante.

Per ottenere risultati professionali di alto livello, consigliamo di effettuare anche i Trattamenti “Antiage Strong” e “Antiage Advanced” presso di Centri Specializzati Exuviance.

risultati creme exuviance
Centri Estetici Exuviance

Per ottenere risultati professionali di alto livello, consigliamo di effettuare anche il Trattamento Pelli Impure presso di Centri Specializzati Exuviance.

Trova Centro
Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

Lo sai che esistono varie tipologie di Pelle Grassa?

mercoledì 14 novembre 2018 16:38:09 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 16 Novembre 2018
tipologie pelle grasse e impura exuviance

In generale, la pelle grassa è associata ad una eccessiva produttività delle ghiandole sebacee.

  • Se il sebo è molto fluido: la pelle è seborroica, oleosa e lucida, con pori dilatati
  • Se il sebo è ceroso: la pelle diventa impura, asfittica, con comedoni e punti neri

La seconda tipologie di pelle è quella che tendenzialmente può diventare acneica, se si verificano specifiche condizioni a livello dei batteri presenti sulla superficie cutanea.

La ricerca dermatologica di Exuviance si è concentrata sull’abbinamento di principi attivi specifici che sono tra loro complementari per trattare le pelli impure da vari fronti:

Acido Glicolico

È l’ingrediente che esfolia più rapidamente lo strato corneo, effettuando una “pulizia profonda” ed aumentando notevolmente la ricettività di tutti gli altri ingredienti che vengono applicati.

Acido Mandelico

AHA estratto dalle mandorle. Regola la produzione di sebo eliminando la lucidità. E’ un importante antibatterico molto utile per pelli impure ed acneiche.

Acido Salicilico

Il più conosciuto BHA. Cheratolitico e levigante. Ha anche proprietà batteriostatiche e lenitive

Gluconolattone

Importante PHA che consente di non tralasciare l’idratazione, comunque molto importante per le pelli impure.

Risultati ottenuti con la combinazione di principi attivi Exuviance specifici per la pelle impura ed acneica impiegati a livello quotidiano e settimanale.

risultati creme exuviance

Come va trattata la pelle impura?

detergere con prodotti exuviance
Detergere con prodotti specifici, non più di due volte al giorno.
purificare con exuviance
Purificare con l’uso di antibatterici professionali.
idratare con prodotti exuviance leggeri
Idratante con prodotti leggeri (possibilmente idro-gel).
applicare esfolianti exuviance
Applicare settimanalmente esfolianti chimici e/o meccanici (enzimatici), oltre a maschere argillose ad effetto purificante, astringente e lenitivo.
risultati creme exuviance
Centri Estetici Exuviance

Per ottenere risultati professionali di alto livello, consigliamo di effettuare anche il Trattamento Pelli Impure presso di Centri Specializzati Exuviance.

Trova Centro
Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

Rughe, Acne e Macchie cutanee: i benefici dell’Acido Glicolico

giovedì 8 novembre 2018 10:12:17 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 8 Novembre 2018
prodotti con acido glicolico Exuviance

Più del 50% delle problematiche cutanee sono dovute alla difficoltà di ricambio dello strato corneo (strato più esterno dell’epidermide).
Proprio su questo concetto iniziano a concentrarsi gli Scienziati fondatori di Neostrata Company, Casa Madre di Exuviance, già a partire dagli anni 1970.

Infatti, le loro ricerche si pongono come obiettivo quello di influenzare positivamente la formazione di nuovi strati della pelle (Neo-Strata). La loro scoperta dell’Acido Glicolico, poi brevettata, ha costituito una grande rivoluzione in campo dermatologico e cosmetico.

L’Acido Glicolico è un acido della frutta che si estrae anche dalla canna da zucchero. Per la sua piccola dimensione molecolare, e per le caratteristiche di alta acidità e solubilità, viene assorbito dalla pelle in modo facile e veloce. A tutt’oggi, continua ad essere l’ingrediente che riesce a influire più rapidamente sull’accelerazione del rinnovamento cellulare.

formula acido glicolico

Specifici meccanismi di azione:

  • L’Acido Glicolico allenta (ed in buona parte scinde) i legami tra le cellule più esterne dello strato corneo, stimolando un’importante esfoliazione e riducendo lo spessore cutaneo.
  • Poiché la nostra pelle è programmata per mantenere un determinato spessore, ne consegue una riproduzione di nuove cellule, giovani e vitali, dallo strato basale dell’epidermide. L’aspetto della pelle migliora visibilmente.
  • L’Acido Glicolico è una sostanza idrofila (ovvero si lega all’acqua) e per tale motivo apporta in modo attivo molecole di acqua; si ottiene una profonda idratazione.
  • Inoltre, va ad incrementare la sintesi di Collagene e di GAG (Acido Ialuronico); aumenta il tono cutaneo e si rafforza tutto il sistema di sostegno del derma.
  • La pelle diventa molto più ricettiva in termini di assorbimento dei prodotti cosmetici e dei trattamenti estetici.

Per tutte le sue caratteristiche, il suo impiego è ideale a livello di:

prodotti contro l'invecchiamento
Invecchiamento e
foto-invecchiamento
prodotti contro le macchie cutanee
Macchie cutanee
prodotti contro impurità ed acne
Impurità ed acne


Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

Vuoi conoscere il tipo di esfoliante più adeguato per te?

martedì 18 settembre 2018 17:52:05 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 20 Settembre 2018
tipo di esfoliante più adatto per te

Ti forniamo alcune indicazioni per consentirti una scelta più consapevole.

Gli esfolianti chimici si distinguono da quelli meccanici in quanto consistono nell’applicazione di acidi specifici a livello epidermico per ottenere un’azione cheratolitica (Alfa-idrossi Acidi, Beta-idrossi Acidi, Poli-idrossi Acidi). Essi possono essere definiti dei veri e propri peeling.
Il loro ruolo principale è quello di rompere i legami tra le cellule esterne dello strato corneo. Si accelera così il rinnovamento cellulare, stimolando la produzione di nuovi strati dell’epidermide, e la pelle appare più sana, tonica e luminosa.

Gli esfolianti meccanici vengono comunemente chiamati scrub (in inglese) o talvolta gommage (in francese). Si tratta di prodotti che esercitano un’azione levigante rimuovendo le “cellule morte” tramite micro-granuli, infatti richiedono un breve massaggio prima di essere risciacquati.

Inoltre, esistono i peeling enzimatici che favoriscono la rimozione delle cellule più esterne dell’epidermide in fase di distaccamento tramite l’impiego di enzimi di origine vegetale (più frequentemente) o animale.

Fino a 25/29 anni

La pelle giovane è naturalmente luminosa. Grazie alla superficie liscia e omogenea, il suo potere riflettente è elevato. A quest’età, lo scrub è consigliato alle pelli miste e grasse, per rimuovere le impurità e favorire il restringimento dei pori (1 volta alla settimana, se la pelle non è sensibile, facendo seguire un tonico opacizzante ed una maschera purificante non troppo astringente).


Dopo i 30 anni

Con il tempo, le strutture dermiche perdono densità e compattezza, la superficie cutanea è meno regolare, la luminosità naturale della pelle tende a spegnersi. L’esfoliazione cosmetica, in questo caso, aiuta a levigare la superficie cutanea restituendo un aspetto più compatto e fresco, oltre ad aumentare la ricettività per tutti i prodotti della skin routine giornaliera (1 volta a settimana, facendo seguire un tonico riequilibrante ed idratante, oltre che una maschera idratante/preventiva a livello di antiage). Anche uno stile di vita non proprio ideale (stress, mancanza di sonno, inquinamento ambientale) può causare una carnagione spenta, pori dilatati, segni d’invecchiamento precoce. In questi casi, è consigliata l’integrazione di prodotti contenenti di AHA, BHA o PHA da inserire nella skin routine giornaliera (è sufficiente anche una percentuale di Acidi piuttosto bassa).


Oltre i 40 anni

L’esfoliazione cosmetica diventa un’alleata indispensabile. E’ necessaria l’applicazione piuttosto regolare di veri e propri peeling, i quali preparano la pelle a ricevere dei “regimi” di trattamento intensivi e restitutivi a livello di antiage, schiarimento macchie, riempimento e rassodamento (sono consigliati esfolianti dermo-abrasivi seguiti da maschere di livello professionale o/e trattamenti specifici in Istituti specializzati con peeling chimici a base di Acidi).


Exuviance offre dei prodotti dermoabrasivi molto completi e versatili, che uniscono le proprietà degli esfolianti chimici e meccanici (oltre che enzimatici) alle proprietà idratanti e rigeneranti degli Acidi Bionici.

Triple Microdermabrasion

Triple Microdermabrasion

Trattamento antietà dermoabrasivo, che utilizza un potente approccio a tripla azione per il rinnovamento dell’epidermide. Combatte la pelle spenta, stanca o stressata.

Scopri →
Bionic Body Polishing Masque

Bionic Body Polishing Masque

È una soluzione tonificante molto completa, grazie alla presenza di Gluconolattone ed estratti vegetali quali aloe, radice di altea, alghe e ialuronato di sodio.

Scopri →

Kit Brossage

Un kit che permette un'esfoliazione ancora più profonda e la riattivazione della circolazione grazie alla crema corpo esfoliante Bionic Body Polishing Masque e Spazzola artigianale per Brossage con setole naturali di agave.

Scopri →
Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

6 Consigli per una corretta skincare routine

giovedì 2 agosto 2018 12:55:26 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 6 Agosto 2018
corretta skincare routine quotidiana exuviance

Ti sei mai chiesta quale sia il corretto ordine di applicazione dei prodotti nella tua skincare routine?

Utilizzare le varie referenze senza una giusta sequenza potrebbe comprometterne l’efficacia!

In linea generale, suggeriamo di applicare i prodotti in ordine crescente di viscosità: da quelli più liquidi a quelli più densi. Si segue quindi quest’ordine:

La corretta detersione è il primo passaggio fondamentale, da effettuare 2 volte al giorno. È consigliabile un prodotto che deterga in modo professionale - delicato e non troppo “sgrassante”; non esagerare nei quantitativi utilizzati. La detersione ideale è quella che elimina le impurità depositate ed i residui di cosmetici e makeup.

L’applicazione di un tonico ricco di ingredienti attivi è fondamentale per completare la detersione, ma anche per ripristinare il ph fisiologico ed apportare un’idratazione aggiuntiva rispetto a quella del detergente.

Per continuare, si passa ad un’importante tipologia di prodotti di ultima generazione, le essenze. I principi funzionali di un'essenza ben formulata riescono ad arrivare ancora più in ''profondità'' rispetto a quelli di un siero. In particolar modo, se si tratta di Essenza Probiotica, si va a ripristinare completamente il microbiota cutaneo (le sue alterazioni sono dovute a stress, abitudini alimentari errate, problematiche interne ed inquinamento esterno). Inoltre, essa ha anche un effetto altamente idratante ed antiossidante. (Non può sostituire il tonico, poiché non ha l'obiettivo di riequilibrare ph fisiologico).

Subito dopo si passa ai sieri ed ai concentrati per potenziare i risultati delle creme giorno e notte e per raggiungere dei risultati più mirati. La loro texture è pensata per consentire un alto grado di assorbimento cutaneo. (Total Correct Sculpt Serum e Line Smooth Antioxidant Serum possono essere applicati anche sul contorno occhi)

La zona perioculare ha caratteristiche molto particolari ed ha bisogno di prodotti dedicati e specifici; per questo motivo il contorno occhi dovrebbe essere applicato prima della crema (anche a scopo protettivo).

Per concludere, si stende uno strato di crema giorno/notte.

Per la crema giorno è fortemente consigliato l’utilizzo di prodotti in crema, fluidi o idragel professionali con filtri di protezione solare, chimici o/e fisici (la scelta della texture si effettua sia in base alla tipologia di pelle che alla stagione dell’anno).

Per la notte, sono indicati prodotti complementari rispetto ai concentrati ed alle creme da giorno prescelte, considerando che il prodotto rimane in applicazione per un lungo periodo durante le ore di riposo. Non è consigliabile applicare prodotti con i filtri solari durante la notte.

Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

Come aggiornare la tua skin routine in estate

mercoledì 13 giugno 2018 13:06:40 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 15 Giugno 2018
skin routine exuviance

Nel periodo estivo, la pelle ha esigenze particolari e molto specifiche.

Il primo passaggio fondamentale per la Skin Routine giornaliera rimane sempre la corretta detersione da effettuare due volte al giorno. È consigliabile un prodotto che deterga in modo professionale senza seccare la pelle, possibilmente anche ad azione rinfrescante ed idratante.

L’applicazione di un tonico ricco di principi funzionali è fondamentale, per completare la detersione, per ripristinare il ph fisiologico ed apportare un’idratazione aggiuntiva rispetto a quella del detergente. In estate, il tonico dovrebbe avere anche un effetto lenitivo.

Il terzo step della Skin Routine ottimale è rappresentato dal siero specifico. Sono preferibili prodotti in base acquosa, che possano essere applicati sia di giorno che di notte. La scelta varia in funzione delle tipologie di pelle e delle problematiche da trattare.

Il siero ideale per l’estate dovrebbe avere almeno proprietà antiossidanti, per contrastare gli eventuali “danni” solari ed abituare la pelle a sviluppare anche una propria naturale protezione (che va ad aggiungersi a quella del filtro solare che può essere applicato sopra al siero).

Prima di applicare una crema o un fluido da giorno, è altamente consigliato di proteggere la zona occhi con un prodotto specifico; il contorno occhi "estivo" dovrebbe aver una texture di gel o di crema leggera, ma ad azione fortemente idratante (la zona perioculare si secca molto, soprattutto in seguito a vari fattori che interagiscono: sole, mare e montagna, cloro della piscina ecc.)

La Skin Routine si può concludere con la stesura di un prodotto da giorno o da notte (ovviamente in base alla fase della giornata, mentre i prodotti di cui sopra rimangono gli stessi per il giorno e per la notte). Un buon prodotto da giorno dovrebbe contenere un filtro di protezione UVB che sia almeno SPF20 ed un filtro UVA. Con queste caratteristiche, si intendono prodotti adeguati ad una breve esposizione estiva quotidiana (per una passeggiata, per guidare l’auto ecc.), non per il sole diretto al mare, in piscina o in montagna (laddove è necessario un vero e proprio prodotto solare). A livello di texture, sono sicuramente consigliati prodotti in versione fluida o idragel e non comedogenici. L’importante è non tralasciare la corretta idratazione e, laddove necessario, l’effetto antiage o illuminante/uniformante del prodotto.

Purifying Cleansing Gel Exuviance
DETERGENTE

Purifying Cleansing Gel

Perfetto per chi cerca un prodotto purificante, rinfrescante, ma che a differenza di tanti altri tipi di detergenti in gel non secca assolutamente la pelle.

Scopri →
Soothing Toning Lotion Exuviance
Tonico

Soothing Toning Lotion

È una soluzione tonificante molto completa, grazie alla presenza di Gluconolattone ed estratti vegetali quali aloe, radice di altea, alghe e ialuronato di sodio.

Scopri →
Line Smooth Antioxidant Serum Exuviance
Siero

Line Smooth Antioxidant Serum

Siero multi-antiossidante, è un vero e proprio concentrato per rallentare i segni dell’età e per contrastare le 10 fonti che causano il danno ossidativo.

Scopri →
Hydrating Eye Complex Exuviance
Contorno Occhi

Hydrating Eye Complex

È il prodotto perfetto per trattare disidratazione e rughe del contorno occhi, anche nei soggetti più sensibili.

Scopri →
OptiLight All-Over Dark Spot Minimizer SPF25 Exuviance
Crema Giorno

OptiLight All-Over Dark Spot Minimizer SPF25

Questo fluido antietà, oltre a proteggere la pelle per tutto il giorno dai danni ossidativi, dall’inquinamento e dal sole, ha un effetto illuminante, schiarente e rimpolpante.

Scopri →
Night Renewal Hydragel Exuviance
Crema Notte

Night Renewal Hydragel

Per la notte, consigliamo un prodotto con texture leggera e setosa, ma contemporaneamente idratante ed antiage.

Scopri →
Tag:
Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

L'importanza del microbiota cutaneo e gli studi recenti mirati al suo riequilibrio

giovedì 24 maggio 2018 10:35:18 Europe/Rome

Samantha Marenda
Dermatologa Exuviance Italia - 25 Maggio 2018
Cosa sono i probiotici?

I recenti progressi scientifici e tecnologici hanno consentito di sviluppare una migliore conoscenza del microbioma umano in differenti distretti corporei quali ad esempio la pelle.

Tali studi, vanno ad aggiungersi a quelli - ben più conosciuti - relativi all’importanza di assumere probiotici e prebiotici per proteggere l’intestino (e tutto l’apparato digerente nella sua totalità) oltre a rafforzare il sistema immunitario.

In un centimetro quadrato di superficie cutanea risiede circa un milione di batteri che svolgono principalmente la funzione di rafforzare la barriera cutanea.

La presenza di un microbiota diversificato e bilanciato è solitamente associata a una pelle più sana. Uno stile di vita non equilibrato, errate abitudini alimentari, stress, squilibri ormonali, assunzione di alcuni farmaci, inquinamento ambientale sono soltanto alcuni dei fattori che possono incidere negativamente sulla microflora cutanea.

Inoltre, lo sbilanciamento e la distruzione delle popolazioni microbiologiche cutanee possono essere associati a stati patologici: tra questi la dermatite atopica, l’acne batterica, la rosacea e la psoriasi sono alcuni casi nei quali la disbiosi può avere un impatto fisiopatologico.

Il microbiota cutaneo può essere modulato con l’impiego di prebiotici o probiotici ad uso topico. Gli obiettivi principali sono quelli di riequilibrare la pelle, fortificandola e diminuendone la reattività in modo importante.

È sicuramente più semplice impiegare ingredienti prebiotici all’interno dei cosmetici, poiché essi possono essere inseriti (con adeguate tecniche formulative) in emulsioni, lozioni o altri prodotti per la pelle, di cui si hanno già alcune presenze sul mercato. È invece più complesso incorporare all’interno dei cosmetici gli ingredienti probiotici, poiché si tratta di microorganismi viventi e quindi difficili da rendere stabili e biodisponibili

Neostrata Company è riuscita ad ovviare a tale problema, ottenendo una formulazione innovativa degli stessi: si tratta di un Lisato Probiotico ottenuto dal fermento dei Lactobacilli. Inoltre, sono stati aggiunti ingredienti fondamentali, ovvero Poli-idrossi Acidi e Acido Ialuronico, che vanno ad implementare le caratteristiche lenitive, idratanti, anti-invecchiamento ed anti-inquinamento del prodotto che li contiene.

Probiotic Lysate Essence

Probiotic Lysate Essence Exuviance

Una formulazione trasversale utilizzabile da tutti, indipendentemente dall'età e dalla sensibilità cutanea. Può essere inserita nella propria beauty routine, soprattutto durante i cambi di stagione o i periodi di maggior stress.

Nostre fonti di approfondimento: www.abc-cosmetici.it/sezione-scientifica/varie-dal-mondo/modulazione-del-microbiota-cutaneo-con-prebiotici-ad-uso-topico/ Modulation of skin microbiota by topical prebiotics
Teles Branco C., Guimarães J.P.
Medical Department, Angelini Farmacêutica Lda, Portugal
HPC Today, Vol. 10(2) – Monographic suppl on Skin Care, 2015, pp. 21-27
www.teknoscienze.com/articles/hpc-today-modulation-of-skin-microbiota-by-topical-prebiotics.aspx
Keywords: microbioma, microbiota, prebiotici cutanei, probiotici cutanei, disbiosi, squilibri cutanei
Tag:
Posted in I Nostri consigli da Samantha Marenda - Dermatologa Exuviance Italia

Dermatite, pelle secca, screpolata? Ci cono gli Acidi Bionici!

mercoledì 18 aprile 2018 10:50:27 Europe/Rome

medici esperti Exuviance

II Poli-idrossi Acidi e gli Acidi Bionici costituiscono una grande evoluzione degli Alfa-idrossi Acidi. Essi sono stati scoperti e formulati grazie agli studi del Dr. Van Scott e del Dr. Yu ed in seguito brevettati.

Si tratta di Acidi molto idratanti, grazie al più alto numero di gruppi idrossilici (OH); tali sostanze attirano e legano grosse quantità di acqua formando una matrice gelatinosa.

Stimolano comunque il rinnovamento cellulare, pur effettuando un’esfoliazione più “lenta”. Il gruppo acido in essi presente risulta essere“mascherato”; ciò li rende più delicati, ma sempre molto efficaci. Inoltre, non sono foto-sensibilizzanti. Tutto ciò li rende adatti anche alle pelli più sensibili e reattive.

barriera protettiva cutanea exuviance

Hanno importanti proprietà antiossidanti:
chelano (legano) i metalli presenti in eccesso nelle cellule della pelle (soprattutto Ferro); diminuiscono i radicali liberi e rallentano l’invecchiamento cutaneo.

Fondamentale è la loro capacità di rafforzare la funzione “barriera” protettiva cutanea, tale da supportare la pelle di fronte a problematiche di inestetismi anche molto complessi.

In particolar modo, gli Acidi Bionici sono in grado di contrastare desquamazione, rugosità e cicatrici. Inoltre, rassodano la pelle rafforzando le varie strutture del derma.

Molte forme di dermatite sono associate ad una barriera protettiva cutanea compromessa, con situazioni di pelle secca, screpolata, irritabile e pruriginosa.

Multi protective daily cream SPF20

Crema protettiva da giorno perfetta per pelli secche, mature e sensibili. Contiene Gluconolattone (PHA) e Acido Lattobionico (Acido Bionico), oltre ad estratti vegetali emollienti/idratanti e Vitamina E.

Scopri >

Antiredness calming serum

Prodotto concentrato ad immediata azione protettiva e calmante: per eliminare tutti i sintomi/inestetismi della pelle sensibile. Specifico per varie situazioni infiammatorie, pet pelli che si arrossano facilmente anche a seguito di varie allergie oltre che per problematiche di fragilità capillare e Couperose. Formulato con Acido Lattobionico ed innovativi ingredienti ad effetto decongestionante.

Scopri >

Ultra Restorative Cream

Ideale per pelli ultra sensibili e reattive, oltre che danneggiate (dai raggi UV, dalle cicatrici, dai trattamenti medico/estetici aggressivi e dai vari segni dell’età). Alta concentrazione di Poli-idrossi Acidi e di Acidi Bionici combinati con olio di semi di Meadowfoam ed estratti marini.

Scopri >
Tag:
Posted in I Nostri consigli da Alessandra - Team Exuviance

Default Category

Oggetti 1 a 10 di 21 totali